Archivio | Videogiochi RSS for this section

Heartstone – Heroes of Warcraft (Beta)

Dato che sono un fortunello, una settimana fa m’è arrivata l’invito alla Beta europea di Heartstone, il nuovo gioco TCG -free to play- della Blizzard.

WARNING: Tutto ciò che segue è relativo alla versione 1.0.0.4217. Release successive potrebbero vanificare tutto quello che dirò. Inoltre, queste sono solo le mie prime impressioni, da prendere con un IMHO grande così.

Hearthstone 2013-12-23 20-02-11-43

Che cos’è?
È un gioco di carte collezionabili, un Magic online. Più o meno. Più meno che più.
Hai un mazzo di 30 carte, con al massimo due copie della stessa carta in esso, e un Eroe. Scopo del gioco è uccidere l’eroe avversario.
Easy peasy lemon squeezy.

Ci sono carte magia, trappola o buff vari ed eventuali a salute ed attacco. Ci sono carte con mostroli vari e con poteri vari. Tipo quelle che danno buff alle tue carte, quelle che costringono gli avversari ad attaccare un determinato servitore (Taunt), o quelle che -semplicemente- fanno un culo così agli avversari.

Ci sono tre e dico tre modalità di gioco:

_Matchmaking non classificato: classico scontro fra due giocatori senza ladders o classifiche varie ed eventuali.

_Matchmaking classificato: scontro protetto da segreto di stato. Scherzo, è uno scontro che conta per la classifica di HS. Non mi garba che fino al 20° livello non puoi scendere di classifica. Ciò vuol dire che, il matchmaking classificato a basso livello, può risultare esageratamente sbilanciato.

_Arena: previo pagamento (150 gold o 1,79€), devi scegliere fra tre eroi casuali e poi costruire un mazzo (valido solo per quell’ingresso in arena) fra carte proposte casualmente. Più vittorie consegui, più premi riceverai. Ma una volta perse tre partite -non consecutive- sei out.

Hearthstone 2013-12-23 19-52-41-12

Cosa mi piace di HS
Mi piace che sia un gioco semplice e complesso allo stesso tempo. Cioè, non ci sono regole arzigogolate o talmente complesse da costringerti a tenere il manuale sempre sotto gli occhi. Ma, questa semplicità permette anche di costruire mazzi con sinergie complesse e variabili.
I giocatori inesperti non si sentono intimoriti, mentre gli esperti avranno una libertà d’azione più che appagante.

Un altro lato positivo, è che il client di gioco è molto leggero (e basato su Unity). Ciò vuol dire che non serve un super computer per giocarlo. Per esempio, gira da dio anche sul mio vecchio portatile, che è tutto tranne un esempio di potenza computazionale.

Hearthstone 2013-12-23 20-05-56-88

Cosa non mi piace di HS
Di norma, non elenco i lati negativi di un gioco in beta, dato che è appunto in beta. Ma, visto che in HS lo store è già aperto, e già accettano soldi reali, mi sento in diritto di fare il puntiglioso del cazzo.

La modalità più divertente, è l’arena. Punto.
Solo lì vien fuori la bravura dei giocatori, e solo lì si sentono veramente appagati. Battere un avversario con un mazzo costruito “casualmente” è una botta di autostima non indifferente.
Ma, la Blizzard non ha dato il necessario valore all’arena. Sembra che la consideri solo un modo complesso e “time consuming” per farmare carte. Non ci sono classifiche o altro per l’arena.

Sinceramente, la loro modalità classificata avvantaggia chi ha più soldi da spendere in pacchetti di carte. Ohi, ci vuole sempre un minimo di bravura nel costruire il mazzo, ma AVERE le carte per il mazzo è di sicuro la cosa più importante.

Passando oltre, un altro grande problema è il bilanciamento. Chi ha un mazzo basato sui Murloc vince 8 volte su 10. Se l’avversario non ha un mazzo pensato per bloccare lo “zerg rush” di murlocs, rischia di perdere almeno 15 punti vita nei primissimi turni di gioco. E il fatto che solo i mazzi Mago/Paladino permettano di costruire strategie anti-murlocs non aiuta di certo.

Posso anche contare lo sbilanciamento iniziale dei mazzi Paladino e Stregone. Nei primi turni hanno un board control assurdo. Ma devo dare atto che la Blizzard si sta muovendo -in maniera importante- nel bilanciamento. Per esempio, nell’ultima patch hanno bilanciato il Mago nerfando le carte congelamento. Carte a dir poco over powered.

Quindi, si spera che il bilanciamento sia un problema ancora per poco tempo.

Ma, il vero problema che ho con HS è Battle.Net, la piattaforma di gioco online di Blizzard. È instabile (recentemente abbiamo avuto quasi tre giorni di down immotivati), macchinosa e con continui tentativi di hackeraggio degli account.
Come non approvo Uplay, Origin e -in alcuni aspetti- Steam, così non approvo Battle.Net. Servizio che dovrebbe facilitare la vita dei giocatori, ma che in realtà la rende solo più complicata.

Hearthstone 2013-12-23 20-05-40-40

Conclusioni
Nonostante tutti i suoi problemi, trovo che Heartstone sia un gioco più che decente. È divertente e decisamente intrippante.
Ha i suoi problemi. Ma, essendo ancora in beta, il tempo per correggerli c’è e ci sarà.

Spero solo che, quando uscirà dalla fase beta, verranno anche risolti i soliti problemi di Battle.Net.

Nvidia ShadowPlay vs Fraps



Recentemente, per un progetto da fare con amici, mi son interessato ai programmi di screen capturing. Per chi non li conosce, son quelli che permettono ai cinnazzi di registrare le partite a CoD per poi caricarle su Youtube al grido di “Guardate come ho fraggato quel niubbo!”.

Da bravo barbone che non sono altro, prima ho cercato qualche soluzione open-source. Con risultati deludenti. Fra i programmi free non ce ne è uno decente. Dopo un’intera estate passata a rifletterci su, alla fine mi decido e scelgo di comprare Fraps.
Non è professionale come Dxtory, ma, per quello che devo fare, Fraps basta e avanza.

Però, pochi giorni fa Nvidia ha fatto uscire un nuovo update per le sue schede video. Ma, questo update contiene anche la beta di ShadowPlay, disponibile per le schede dalla serie 600 in su. E dato che io ho una EVGA GTX760 ho gioito e bestemmiato contemporaneamente.
Ero felice perché potevo provare la nuova soluzione di screen capturing di Nvidia, dall’altra ho pensato che -forse- avevo speso 27 sbleuri per l’anima del cazzo.
Ma Nvidia ShadowPlay vale la non-spesa?
Beh, ma la spesa c’è lo stesso. La scheda video la si compra, mica te la regalano. Ma se te la regalano?
Vabbé, ci siam capiti.

Nel video sopra ho preparato un rapido confronto. Ma devo fare alcune precisazioni. Ho effettuato registrazioni a framerate differenti per due motivi:
1_ Non si può ancora scegliere -manualmente- il framerate di registrazione, solo dei pre-set scelti da Nvidia.
2_ Tanto su Youtube i video vengo riprodotti a 29,97fps. Che tu lo voglia o no.

Per questo tipo di programmi, ci son solo tre fattori a cui prestare attenzione:

Prestazioni: quanto influiscono sulle prestazioni di gioco? Beh, Fraps richiede molte più risorse rispetto a ShadowPlay. Si vede quando parte, perché anche un behemot come il mio desktop inizia a scaldarsi leggermente. ShadowPlay è effettivamente leggerissimo, ma sembra che ogni tanto provochi dei microstutter, non registrati dal video comunque.

Opzioni: ShadowPlay è ancora molto carente da questo lato. Pre-sets ovunque e pochissime opzioni manuali. Fraps vince sicuramente da questo punto di vista. Ricordo che ShadowPlay è alla sua prima beta pubblica, quindi ha ancora ampi margini di miglioramento.

Video: Sui video c’è un pareggio. ShadowPlay produce dei video compressi, quindi occupano non troppo spazio sul hdd. Ma la compressione li rende “peggiori”. Più artefatti, blur un po’ ovunque e talvolta i video scattano senza apparente motivo. Fraps produce dei video di qualità migliore, ma sono estremamente pesanti. 2 minuti di video a 1080p@29.97fps pesano circa 4GB. Insomma, non una cosa proprio easy.

Quindi, qual è il verdetto? Non c’è nessun verdetto.
ShadowPlay è ancora in beta. Può, e sicuramente, migliorerà. Potrebbe rappresentare un importante strumento per il settore amatoriale. Ma, così per pura impressione viscerale, non diventerà mai uno strumento professionale.

Licenza Creative Commons
Quest’ opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Far Cry 3

Far Cry 3

Compratelo.
Compratelo subito.

Far Cry 3 è uno di quei videogiochi che vanno provati almeno una volta nella vita.

Trama
Impersonerete i panni di Jason Brody, ricco ragazzino americano, in vacanza nel Pacifico del Sud con un gruppo di amici. Durante il viaggio però verrete rapiti da un gruppo di pirati cattivi assai. Scappato dalla prigionia vi lancerete nella giungla alla ricerca dei vostri amici dispersi.

Non dico altro per non spoilerare, però posso dire che la caratterizzazione è a ottimi livelli. Degna di un film.

Grafica
Graficamente FC3 è uno dei migliori giochi dell’anno. La giungla del gioco sembra veramente viva e rigogliosa. Le animazioni sono veramente ben fatte, specialmente nel caso degli animali. L’acqua è renderizzata egregiamente e il fuoco si muove e si espande realisticamente. Menzione di onore ai veicoli, pieni di tanti piccoli particolari dinamici, come i barili sulle barche che si muovono in relazione all’ondeggiare del mezzo.

Nonostante l’ottima grafica il gioco gira sempre a 60 frame fissi. Preciso che ci gioco su di una PS3, quindi nel caso dei PC la grafica può solo migliorare.

L’HUD del gioco è veramente ben fatta. Minimalista, occupa poco spazio sullo schermo ed è molto intuitiva. Vi ci abituerete in pochi minuti.

Gameplay
Il gameplay è il punto forte di FC3. Nei classici FPS, come Call of Duty o Battlefield, il paesaggio ricopre solamente il ruolo di scenario. Al massimo vi può offrire qualche punto di copertura, ma si ha sempre la sensazione di essere in un corridoio molto limitato sia in interattività che in libertà di movimento.

In FC3 il paesaggio, o meglio la giungla, diventa un elemento importantissimo.

Come nel suo predecessore, Far Cry 2, ogni azione deve essere pianificata in base a ciò che vi circonda. In mezzo alla giungla più fitta avrete meno possibilità di essere visti dai nemici, nelle pianure avrete una visuale più libera per il fucile di precisione, e così via.

Non vi potete buttare a testa bassa nella mischia senza sapere dove andare o dove ripararsi. Anche nelle difficoltà più da noob il risultato sarà sempre lo stesso: Game Over.

Il fatto poi che l’isola del gioco sia abitata da una moltitudine di animali diversi, sia innocui che pericolosi, accresce tantissimo questo fattore.
Non è raro, infatti, essere attaccati da una cazzo di tigre col mestruo mentre si cerca di assaltare i nemici di soppiatto.

Ovviamente si possono usare gli animali anche a proprio vantaggio. Per esempio si possono aizzare belve feroci a caso contro i nemici, in modo da non sprecare troppe munizioni. Ricordatevi però che dopo dovrete abbattere voi suddetta belva, sempre che non vogliate diventare la sua cena.

Un altro aspetto del gioco che ho veramente apprezzato è la sua natura bipolare. Ovvero potrete giocarci sia con un approccio alla Rambo, carichi di granate, lanciafiamme, mitragliatrici e tutte le munizioni che riuscirete a portare, sia con un approccio più stealth, usando armi silenziate o anche i classici arco e frecce.
Il bello è che nessun approccio esclude l’altro. Non ci sono dei veri vantaggi nell’utilizzare uno dei due specificatamente. La scelta è lasciata al giocatore, cosa che è rara da trovare oggigiorno.

Prendiamo come esempio Dishonored, altro gioco che tenta un approccio simile. Presenta anche lui una mappa abbastanza open world e ti lascia scegliere tra un approccio stealth e uno spacco il culo al mondo. Peccato che l’approccio stealth non ripaghi in alcun modo. L’unico vero vantaggio è che agendo furtivamente otterrete un finale più allegro.

Meh.

Se mi date libertà di scelta voglio che fra le opzioni proposte ci sia una vera parità sia nella difficoltà che nei risultati. Non basta un cazzo di finale che comunque ti lascia con un cliffhanger.

In FC3 invece ogni approccio ha i suoi pro e contro. Attaccando alla Rambo ucciderete i nemici più velocemente, ma c’è il rischio che arrivino millantamila rinforzi contro di voi. L’approccio stealth è più lento e forse anche più rischioso, ma non rischierete l’arrivo di suddetti rinforzi.

Ognuno può adottare lo stile che più gli aggrada, e lo skill tree è sviluppato in questo senso. Con abilità più o meno orientate verso l’azione o la furtività.

Per il resto il gameplay è un vero esempio di fluidità. I controlli di gioco si adattano al contesto in cui vi trovate, per esempio vi basta avvicinarvi a qualcosa per entrare in “modalità copertura“. Non dovendo premere pulsanti per questo vi sembrerà molto più naturale sfruttare le varie coperture in cui vi imbatterete.

Il progresso dell’equipaggiamento che possedete è legato ai vari animali del gioco. Infatti, per la gioia di tutti gli animalisti, dovrete scuoiare le suddette creature in modo da ottenere zaini più grandi, nuove fondine per armi ecc ecc.

Carina l’implementazione di bonus temporanei attraverso l’iniezione di estratti di piante trovate nella giungla. Possono salvarvi il culo in molti casi.

Cosa non mi è piaciuto
Appena provato sulla PS3 il gioco era pieno di bug, che riguardavano soprattutto i sotto menù e la grafica in generale. Fortunatamente è arrivata una patch il giorno stesso in cui il gioco è stato messo in vendita, e con essa tutti questi difetti sono spariti.

Allora la domanda è:
Perché cazzo avete distribuito il gioco se sapevate già che era buggato pesantemente?

Bottom Line
Non posso che consigliare caldamente Far Cry 3.
Ha migliorato tutti gli aspetti del suo predecessore eliminandone, al tempo stesso, tutti i difetti.
Divertente, adrenalinico e in grado di sorprenderti anche dopo ore di gioco.
È una vera ventata di aria fresca in un mondo di FPS sempre uguali tra loro.
Sì COD e Battlefield, sto parlando di voi.

Primi minuti di gioco (SPOILERS!)

Licenza Creative Commons
Quest’ opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: