Archivio | I grandi quesiti irrisolti RSS for this section

Mò sò cazzi miei

Sottotitolo: Mi butto

Nel senso che arrivo qui, sbatto la porta e nemmeno mi presento…

Estiquazzi?

Stiquazzi!

Sono come quello che arriva ad una festa e son già tutti ubriachi.

Come faccio a recuperare il tempo perduto e a rendere il mio fegato un colabrodo nel minore tempo possibile per assomigliare al branco?
Come posso entrare a farne parte, lottando per dimostrare di essere un maschio alfa o al massimo beta?
(o una delle altre fottutissime lettere di un alfabeto che non m’appartiene)

La mia colazione dopo una serata tra amici

Mi ricorderò citando del buon Oscar Wilde:

Se un uomo fa esattamente quello che una donna s’aspetta da lui, ella non se ne farà una grande opinione.
Bisognerebbe sempre fare quello che una donna non s’aspetta e dire quello che lei non può capire.

Ecco, io cercherò di fare un po’ così di stupirvi parlando di scrittori pulp (sono vecchio e fuori forma, tra un po’ avrò pure problemi di prostata) e ho dubbi esistenziali, di quelli che non ti fanno dormire la notte. Mi porrò le domande che il vostro vicino di casa si porrebbe guardandovi in modo torvo; avete presente quando si gratta le palle e assume quell’aria stupida? Ecco quel vicino sono io ma non saprete mai cosa penso, anzi, proprio come lui cambio completamente idea ed ora ve lo sto per rivelare…

Potete immaginarmi un po’ così ma torniamo a bomba…

Siete pronti?!?

Ecco il primo dei grandi quesiti dell’umanità.

Perché in aeroplano, al posto dei salvagenti non mettono paracadute?

E usatemi il piacere di non addurre le vecchie scuse sulla pressurizzazione, il fatto che ci vuole esperienza per gettarsi da un aereo in volo…

Quel salvagente è lì solo per un motivo: perché io mi senta sicuro (e un po’ anche perchè le normative internazionali lo impongono, ok!)

Secondo voi, perché dovrei sentirmi sicuro con un salvagente a 8000 metri da terra?

Pensate che abbia paura di affogare? E in cosa? In un mare di noia? (semicit.)

Oppure che quando imparai a nuotare nella bellissima piscina della mia città mi sia presentato con un paracadute?
Quando avrei dovuto usarlo? Come? Da dove? Dal trampolino?

Nel caso specifico il salto era da circa 50 cm al massimo s.l.a. (sopra il livello dell’acqua)

Quindi basta essere presi per il culo e cominciamo a lottare per qualcosa che davvero c’interessa: fondiamo un’associazione che lotti contro l’ipocrisia dei salvagenti sotto i sedili degli aerei.

A.C.I.S.S.D.A. – ASSOCIAZIONE CONTRO I SALVAGENTI SOTTO I SEDILI DEGLI AEREI

Alle elezioni prenderemo pochi voti, ma sai il gusto di andare in faccia a Grillo e dirgli che il suo gioco lo abbiamo saputo fare anche noi?

Licenza Creative Commons
Quest’ opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: